Clicky

Programmazione 2019

PRESENTAZIONE DELLA RASSEGNA:
sabato 1 novembre - ore 19
Sede dell'Associazione Latinoamericana
Via Gioconda, 3 - Cremona
INGRESSO LIBERO

1° concerto:

VENETIAN CELLO SONATAS

Under the shade of Antonio Vivaldi

Gaetano Nasillo

Violoncello

Sara Bennici

Violoncello

Anna Fontana

Calvicembalo

Venetian cello Sonatas è il nuovo progetto di Gaetano Nasillo, uno dei violoncellisti che si occupano di musica su strumenti originali più conosciuti e apprezzati in ambito internazionale.

Nasillo e suoi collaboratori si occupano non solo dei veneziani celebri come Antonio Vivaldi e Benedetto Marcello ma anche di quei compositori di area veneta come i padovani Giovanni Benedetto Platti e Girolamo Bassani, e di coloro che in Veneto si stabilirono come Antonio Vandini e Michele Stratico, e che furono strettamente legati alla figura di Giuseppe Tartini. Ovvero, di quei compositori più o meno noti che riuscirono  a far conoscere e apprezzare le nuove possibilità del violoncello e quell’ italian style amato in tutte le corti europee del Settecento. 

Saranno presenti anche alcune sonate in prima registrazione assoluta i cui preziosi manoscritti si trovano presso la Biblioteca del Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia. 

Il progetto è oggetto di un nuovo cd per la casa discografica Arcana che è uscito nel settembre 2019,

sabato 9 novembre - ore 21
Museo Archeologico San Lorenzo
Via San Lorenzo, 4 - Cremona
INGRESSO CON OFFERTA LIBERA

2° concerto:

PRINCEPS MUSICæ

Missa Papæ Marcelli di G.P. da Pelstrina

Ensemble Biscantores

dir. Luca Colombo

Questo programma è costruito intorno alla “Missa Papae Marcelli” di Pierluigi da Palestrina tratta dal II libro delle Messe pubblicato a Roma presso la bottega di Valerio e Aloisio Dorico nel 1567. 

Giovanni Pierluigi da Palestrina è il più rinomato e talentuoso compositore che opera nella città di Roma nel XVI° secolo, alla sua scrittura si rifaranno tutti i più grandi polifonisti dei secoli successivi e rimarrà punto di riferimento imprescindibile per i musicisti fino al giorno d’oggi. L’arte del contrappunto, con l’autore nativo di Palestrina (nei pressi di Roma), raggiunge apici mai più eguagliati per rigore compositivo e capacità espressive. 

Palestrina fu estremamente stimato durante la sua vita, soprannominato “princeps musicæ” è  sepolto nella Basilica di S. Pietro.
 
Questa messa, che rappresenta forse il punto più alto della produzione palestriniana, è definita: “del Papa Marcello”. Sono presenti infatti tutte le caratteristiche musicali gradite alle istituzioni ecclesiastiche sviluppatesi nella Controriforma: il rigore contrappuntistico in cui il testo sia perfettamente intellegibile e l’abbandono dei “fiamminghismi” visti come inutili abbellimenti che allontanano la spiritualità della musica sacra per fini esclusivamente estetici o virtuosistici.
Palestrina, all’interno di queste indicazioni, riesce nella composizione di una messa estremamente espressiva pur mantenendo un contrappunto lineare libero di ogni virtuosismo.
 
Marcello II, papa per soli 22 giorni nel 1555 mentre Palestrina era cantore nella cappella Sisitina, intervenne esplicitamente il giorno della sua investitura criticando apertamente i cantori per aver presentato musiche troppo ricche e complesse in cui la comprensione del testo era difficoltosa. Per questo motivo Palestrina sembra lasciar intendere che la messa sia direttamente del Papa e non dedicata al Papa perché ne segue i dettami.

Non sappiamo con precisione le intenzioni che spinsero il musicista a comporre il suo più grande capolavoro secondo i canoni della controriforma, ma il fascino che negli anni ha esercitato la questione musicale nel concilio di Trento ha fatto assumere a questa messa il ruolo di Manifesto Musicale della Controriforma.


sabato 23 novembre - ore 21
Chiesa di Sant'Abbondio
Piazza Sant'Abbondio, 2 - Cremona
INGRESSO CON OFFERTA LIBERA

3° concerto:

MISA TANGO

Misa a Buenos Aires di M. Palmeri

Ensemble & Coro Voz Latina

dir. Maximiliano Baños

Ensemble Biscantores

dir. Luca Colombo

Silvina Agüera & Riccardo Ongari 

ballerini di tango

La Misa di Buenos Aires altrimenti nota come Misa Tango, composta dal argentino Martín Palmeri tra il 1995 ed il 1996, trae ispirazione dalle origini del tango tradizionale argentino ma anche dal tango nuevo, il cui grande esponente fu Astor Piazzolla.

Presentata a Buenos Aires per la prima volta dall’Orchestra Sinfonica Nazionale di Cuba, la Misa Tango si compone dei sei movimenti classici della messa cantata in latino: Kyrie, Gloria, Credo, Sanctus, Benedictus e Agnus Dei, ed è scritta per voce solista, coro, bandoneón e orchestra di archi.

La scrittura musicale coniuga i caratteristici ritmi sincopati e le dissonanti armonie del tango con la scrittura per coro, accostando i testi sacri della messa latina con l’inconfondibile anima della musica “porteña”. In questo lavoro la grande tradizione europea va a braccetto con il tango, dando vita a uno stile di grande eleganza ed estremamente coinvolgente. Un apporto fondamentale viene fornito dalle tecniche tipiche del tango, una danza dai toni fortemente ritmici, nella quale gli strumenti melodici vengono utilizzati anche in funzione percussiva per dare un ulteriore impulso alla musica. In particolare, il geniale utilizzo del bandoneon – che a volte assume i connotati di una voce solista, per poi tornare a ricoprire una funzione prettamente ritmica – garantisce la sussistenza di quella che viene giustamente definita da molti “anima del tango”. 

L’evocativa vena melodica, le ardite architetture armoniche e le complesse strutture ritmiche appaiono evidenti come elementi del tango anche a chi non conosce bene questo fascinoso genere musicale. Una fantasia melodica straordinariamente ricca consente a Palmeri di far coesistere le sfumature proprie del tango con le caratteristiche di ogni parte della messa. 

Sabato 30 novembre - ore 21
Auditorium Giovanni Arvedi
Museo del Violino
Piazza G. Marconi - Cremona
INGRESSO CON OFFERTA LIBERA
Questa rassegna è realizzata con il sostegno di:
e il patrocinio e la collaborazione di:

www.dalvecchioalnuovomondo.com

Associazione Latinoamericana di Cremona

Via Gioconda, 3 - 26100 Cremona, Italia

C.F. 93016280195 

www.alac-cremona.org

info@alac-cremona.org 

Sottoscriviti alla nostra newsletter

Sottoscriviti alla newsletter per essere aggiornato sulla nostra attività concertistica!

Per procedere con la sottroscrizione si aprirà una finestra a comparsa dove dovete inserire i vostri dati. In seguito alla richiesta, riceverai una mail per confermare la tua registrazione.

SOTTOSCRIVIMI